lunedì 7 agosto 2017

BANCA ETRURIA, MULTE CONSOB PER 2,8 MILIONI DI EURO, ANCHE A PIERLUIGI BOSCHI

Gli ex dirigenti sono accusati di avere venduto ai propri clienti prodotti rischiosi senza informarli adeguatamente dei rischi che correvano. Consob sta notificando sanzioni a ex amministratori, sindaci e dipendenti di Banca Popolare Etruria per la vendita di obbligazioni nascondendo la corretta raffigurazione della situazione patrimoniale e finanziaria della banca.


Lo dice una fonte vicina alla Commissione, confermando quanto scritto da La Repubblica oggi.

In totale le multe ammontano a 2,8 milioni di euro, secondo la fonte.

Fra i soggetti multati anche Pierluigi Boschi, padre della sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena, ex vicepresidente della popolare salvata dal governo a fine 2015 assieme ad altri tre istituti con un'operazione costata oltre 5 miliardi di euro. Secondo il quotidiano romano Boschi è stato multato per 40.000 euro.

Multata anche la stessa banca.

Consob imputa ai componenti del Cda, ai sindaci, al direttore generale e al collegio sindacale di aver violato l'articolo 94 del Tuf che prevede che i prospetti rendano conto fedelmente della situazione patrimoniale dell'emittente e che vengano aggiornati con eventuali fatti nuovi significativi.

Sulla popolare è in corso anche una inchiesta penale.


Sdl Centrostudi ne aveva già parlato ne 2015, in alcuni articoli, tra i quali: 



Nessun commento:

Posta un commento