mercoledì 13 luglio 2016

I BILANCI DELLE BANCHE SOTTO LA LENTE DELLE IMPRESE

Un nuovo strumento di lavoro per le imprese

È on line la prima edizione del Rapporto API Torino  su “Solidità e rischio di credito nei bilanci degli istituti bancari”. Si tratta dei risultati di una analisi sui bilanci degli istituti più presenti sul nostro territorio condotta dal Servizio Credito e Finanza di API Torino per comprendere a fondo la reale situazione delle banche alle quali le imprese possono rivolgersi.
 .
Sono quindi presi in considerazione la solidità patrimoniale, il portafoglio rischi, il grado di coperture dei rischi di ogni singolo istituto.
 .

Scritto in linguaggio semplice e corredato di una serie di tabelle e grafici con i numeri principali di cui tenere conto, il Rapporto verrà aggiornato ed integrato nel tempo. 

3 commenti:

  1. Finalmente ora è possibile, anche per i piccoli risparmiatori come me, sapere qual'è il livello di rischio della banca alla quale ho affidato i miei risparmi. Il problema è che le banche non sono obbligate a comunicare questo dato. Ciò consente di nascondere un dato negativo per l'immagine della banca stessa, oltre al fatto che i risparmiatori non possono rendersi conto del livello di rischio dell'istituto di credito al quale si sono affidati.

    RispondiElimina
  2. Il fatto che i dati riportati siano aggiornati a settembre dell'anno scorso non preoccupa nessuno? Adesso la situazione potrebbe sicuramente essere peggiorata. Se l'API pubblicasse dati più recenti sarebbe molto meglio...

    RispondiElimina
  3. Qualcuno si è mai domandato come le banche cerchino di rientrare delle sofferenze? Facendo soffrire i poveri correntisti, ecco come! L'azienda dove lavoravo è fallita, travolta dalla crisi, e data la mia età, nessuno mi ha più voluto assumere, nonostante mi manchino più di 10 anni per andare in pensione. I prestiti che avevo chiesto in banca hanno dissanguato il mio conto corrente, finché non sono più stato in grado di pagare. La banca ha pensato bene di attivare le procedure di rientro, portandomi via la casa. Solo quando è stato troppo tardi ho scoperto SDL e le sue perizie, grazie ad un altro sfortunato nella mia stessa situazione, che si era salvato grazie alla scoperta che la banca era colpevole di usura nei suoi confronti. Ho approfittato dell'analisi gratuita, ma purtroppo non ho i soldi per andare avanti, visto che la banca mi ha mangiato tutto... Non pensate solo alle sofferenze delle banche, ma pensate a chi paga le sofferenze delle banche!!

    RispondiElimina