domenica 22 maggio 2016

SDL CENTROSTUDI: PERIZIA PERMETTE DI AVVIARE INDAGINE DI USURA DI UNA BANCA

(ANSA) - TORINO, 20 MAG - Unicredit ha messo in atto una speculazione "brutale, divorante e famelica" ai danni di Giuliano Besson: l'osservazione è contenuta in una delle querele, consegnate nel 2014 dall'ex campione azzurro di sci alla procura di Torino, che hanno portato a un'inchiesta chiusa nei giorni scorsi. 

Fra i 5 indagati di usura c'è l'ex amministratore delegato Alessandro Profumo. Le persone offese, secondo quanto si apprende, sono quattro. Il pm Cesare Parodi ha notificato i provvedimenti e ha cominciato a mettere gli atti a disposizione delle parti.

Besson si è rivolto alla magistratura subalpina facendosi assistere dell'avvocato Biagio Riccio, che grazie a una perizia di  SDL Centrostudi è riuscito a venire a capo di una difficile vicenda.

Avv. Biagio Riccio
Le sue denunce si riferiscono ai rapporti con l'istituto di credito - non coinvolto come persona giuridica - all'epoca in cui avviò un'azienda di abbigliamento sportivo a Sauze d'Oulx (Torino): lamentava non solo finanziamenti a tassi che hanno superato il limite consentito, ma anche la sottoscrizione di contratti derivati senza informazioni adeguate.

10 commenti:

  1. GRANDE AVV. RICCIO. GRAZIE SDL CENTROSTUDI e GRAZIE DOTT. CALABRÒ

    RispondiElimina
  2. Non credo sia tanto semplice arrivare a questi risultati…quando si tratta di argomenti dove le banche potrebbero subire enormi perdite, cercano di controbattere attraverso cavilli burocratici. Abitudine ereditata dal loro genitore, l’allora ombudsman bancario.

    Le banche hanno anche l’abitudine, quando iniziano a decidere in un modo favorevole su una certa casistica ma poi vedono che troppi iniziano ad avvalersene, uno dei Collegi cambia idea e si porta la cosa davanti al Collegio di Coordinamento che trova il cavillo che consente a tutti di lavarsene le mani da quel momento in avanti.

    Moltissimi casi che sono costretto a portare in Tribunale si potrebbero risolvere con loro, ma alla fine sempre alla Banca d’Italia, e quindi alle banche, devono rendere conto.

    RispondiElimina
  3. Inoltre, volevo solo sottolineare come sia in corso una guerra senza limiti sulla legalità e su ogni singolo caso che si possa trovare davanti e che si risolve in un modo che non è per forza, anzi spesso non lo è, uguale all’identico caso che ti era capitato la settimana prima.


    A volte devi improvvisare, perché non esistono precedenti, a volte partire coi metodi standard, a volte agire senza riferimenti, un po' alla cieca, a volte mostrarti immediatamente, a volte comportanti in maniera ingegnua per poi tirare fuori l’asso nella manica a giochi quasi fatti…e questo da vent’anni, e ongi giorno che passa è una battaglia sotterranea che i clienti vedono solo quando tocca a loro finire sotto un conto affidato con interessi esosi o un investimento sbagliato, o un vaglia prescritto, ecc.

    Non hai idea di cosa combiniamo noi qui ogni giorno per riuscire ad assistere i clienti al meglio senza far loro spendere un capitale (anche questo conta).

    RispondiElimina
  4. Giovanni di Imola30 maggio 2016 06:47

    Complimenti Avvocato !!! Complimenti Sdl Centrostudi!
    la vostra risposta al comportamento della Banca Unicredit ci offre la possibilità di riscatto. Sono un imprenditore che come il sig. Besson è stato letteralmente raggirato. Ho iniziato a firmare fogli senza neppure sapere cosa stavo firmando, con le rassicurazioni che erano "solo" obbligazioni che mi permettevano di mettere i miei soldi al sicuro.

    Sdl Centrostudi, nel campo delle perizie, è riuscita a fornirmi sicuramente una risposta chiara e trasparente ai miei dubbi. Erano mesi che non riuscivo a comprendere cosa fossero certi computi, non sempre molto chiari, nel calcolo di interessi sul conto corrente bancario su cui ho intestata la mia azienda.


    Sono d’accordo con il sig. Pepi: in questo caso, come in molti altri, la perizia ha una estrema utilità, e ringrazio SDL Centrostudi perché senza la loro preanalisi (peraltro del tutto gratuita e senza alcun impegno) non mi sarei accorto di nulla.

    Ora ho preso coscienza di ciò che la banca ha esercitato sui miei conti e nei miei confronti in modo truffaldino.

    Dopo la preanalisi mi hanno spiegato che devo solo fare due cosa in merito alla sua esposizione bancaria;
    – valutare in quanto tempo posso rientrare di un mio debito contratto da 120.000 euro

    – analizzare in quanto tempo riesco a recuperare gli interessi anatocistici che nel frattempo mi avevano chiesto e che ammontano a decine di migliaia di euro

    - ritirare i soldi investiti in obbligazioni, ad alto rischio, anche se la cifra non è elevatissima

    L'anticipo richiesto dalla perizia da SDL Centrostudi sono insignificanti (poche centinaia di euro) rispetto a quello che ho perso e sto perdendo con questo istituto bancario e sono ben lieto di investirli perché mi serviranno per fare l’operazione e risolvere il rischio di messa in sofferenza nel sistema bancario ( che mi ha provocato una chiusura totale d’aiuto anche presso altri istituti).

    Successivamente farò azione di recupero analizzando i conti e periziandoli se ce ne fosse il bisogno di farlo, supportato dalla squadra dei periti SDL che finora si è mostrata molto professionale e paziente.

    Dieci anni di questo settore e non si smette mai di sentire follie pure di atti commessi da parte degli istituti bancari e sono disgustato da questo “sistema” anche se cerco di aiutare quando trovo persone nel bisogno.

    Non voglio dilungarmi o entrare nel tecnico anche perché non ho documenti attendibili in mano che mi possano consentire di rilevare valori o numeri inerenti al problema.

    Per fortuna ho trovato in SDL il mezzo migliore per contrastare il predominio bancario che abbia conosciuto in questo settore

    I Miei Complimenti vivissimi per ciò che fate ogni giorno per tanti che come noi devono sostenere una impresa e una famiglia!

    RispondiElimina
  5. Leggo qua e la su web che c'è chi dice che la Perizia non sia la soluzione di un problema ma uno strumento di controllo.

    Forse è vero, e potrebbe essere vicino a quello che penso anche io, ma non è questo il punto: la verità è questa, cerco di spiegarvi meglio il mio punto di vista e per farlo vorrei con tutti voi fare un piccolo ripasso sul significato della parola perito che per sinonimo ha anche il termine esperto.

    La parola perito o esperto ha un significato che designa una persona particolarmente competente in un determinato campo e dunque viene chiamato a fornire valutazioni e stime tecnicamente attendibili.

    Chiarito quello appena scritto è evidente a tutti che non possiamo acquistare una consulenza da un perito/esperto qualsiasi che esprimerà la sua opinione attraverso una perizia sempre scritta su qualsiasi genere di prodotto o servizio da noi acquistato. Ma non tutti gli esperti sono anche "esperti" nel loro lavoro, ovvero affidabili.

    Dunque è necessaria una società "super partes", al di sopra di ogni sospetto che possa periziare il nostro conto corrente.

    Le banche stesse si affidano a dei periti/esperti in campo edile, Architetti, Geometri o Ingegneri per fare una stima del valore dell’immobile sul quale dovranno erogare il mutuo e molto spesso, per non dire sempre, i costi di questa figura e del suo operato, anche se richiesto dalla banca di solito sono a carico del cittadino che richiede il prestito per poter acquistare l’immobile e vengono infilati all’interno della pratica.

    Possiamo periziare tutto, facendo un breve giro nel Web si scopre che si può periziare di tutto: ma solo una struttura con uno staff solido e serio come probabilmente quello che si trova in Sdl Centrostudi può effettuare perizie al di sopra di ogni sospetto

    L’acquisto di una perizia serve a prendere consapevolezza perché aiuta spesso ad individuare un eventuale problema e lo stesso strumento serve a determinare così le nostre future scelte su come affrontare il problema stesso e portarlo alla soluzione.
    Nel nostro caso un illecito bancario.

    C'è qualcuno che mi può spiegare come funzionano le perizie in SDL Centrostudi? Perché solo sapendo come funziona potrei emettere un giudizio sull'operato di questa struttura. grazie

    RispondiElimina
  6. Buongiorno, ho letto una pubblicazione in rete, un blog per l’esattezza, e devo dissentire, senza voler essere il “bastian contrario” della situazione.

    Come già ho avuto modo di sottolineare anche su quel blog non credo che il problema delle “anomalie bancarie” e di quanto ne derivi sia da attribuire, in maniera esclusiva, alla SDL Centrostudi.

    Non penso, minimamente a questa società come la “madre” di tutti i mali. Una società deve fare utili, non è l'esercito della salvezza. Se vuoi usi i suoi servizi (se pensi che siano validi) altrimenti vai da qualche altra parte. Sei libero: è il mercato bellezza!
    La concorrenza alimenta la varietà e la possibilità di scegliere chi desideri e solo le aziende che lavorano bene crescono. E mi semrba che SDL sia molto cresciuta ultimamente anche in solidità di immagine, visto l'ingresso di un personaggio come l'ex magistrato Piero Calabrò sulla cui onesta intellettuale non si può discutere.

    Questo, senza voler giustificare o condividere, in nessun modo, il loro operato.

    Quindi, è opportuno e doveroso sottolineare – anche alla luce di quanto ho osservato nel blog, l’autrice ha annunciato la nascita della Sos Difesa Legalità (peraltro sembrerebbe un presunto plagio dello stesso marchio SDL Centrostudi) – come le tue personali vicende, così come le mie o di altri milioni di italiani, si fondino sulla possibilità, oramai acclarata, di alcuni “attori”, di poter liberamente delinquere con la complicità di chi dovrebbe tutelare la fede pubblica.

    Perché nessuno pone l’accento sul fatto che esista un “sistema” basato sulle anomalie?

    Fonte Treccani: anomalìa s. f. [dal gr. ἀνωμαλία, lat. anomalĭa; v. anomalo]. – Irregolarità, difformità dalla regola generale, o da una struttura, da un tipo che si considera come normale.

    È un po’ come mettersi alla guida di un auto che ha un’anomalia al sistema frenante.

    Una pazzia! Tanto più se questa anomalia fosse voluta dalla casa produttrice per generare degli interventi, post vendita, così da incrementare attività di riparazione o assistenza tecnica a pagamento.

    Una vera follia! Un’anomalia, per sua natura, dovrebbe essere un fatto raro, eccezionale, non la regola su cui si fonda un sistema a delinquere dove le figure “professionali”, principalmente coinvolte, “giurano lealtà e onore nel vestire la toga”.

    Da una ricerca, in rete, emerge che il “mondo delle anomalie bancarie” è un business in crescita, che vede coinvolti società, professionisti, associazioni di utenti ed ex vittime di turno. Sono migliaia! A tal proposito devo riconoscere che anche altri si sono lasciati a ammaliare dal “canto delle sirene” del business delle anomalie bancarie, ma al contrario di SDL Centrostudi che è una realtà consolidata e forte, gli altri si arrabattano scimmiottandosi professionisti competenti. La differenza? Chi fa bene il proprio lavoro non ha bisogno di criticare l’operato dei “colleghi”.

    Come si distinguono i professionisti seri da quelli improvvisati? I prmi non hanno bisogno di creare blog per criticare l'operato di colleghi. Operano con serietà, onestà e coerenza. E mi semrba che SDL si sia distinta in questi ultimi anno per questo comportamento.
    Gradirei sapere se siete d'accordo.

    RispondiElimina
  7. Ho letto su un blog molto critico con SDL Centrostudi che grazie alle perizie sui conti correnti e le cause legali ha sviluppato un business multimilionario. Il blog è di una ex cliente scontenta che, dopo avere presentato una denuncia contro Sdl, da mesi descrive online quelli che ritiene i passi falsi della società. E che Sdl abbia cercato di oscurare questo blog. Qualcuno sa dirmi cosa c'è di vero?

    RispondiElimina
  8. Si conosco quel blog di cui parla, è di un certo Beddy o Betty, o giù di lì…
    È una persona inviperita perché pare abbia perso una causa contro una Banca, e invece di prendersela con l'Istituto di Credito ha deciso che la colpa era di chi aveva fatto la perizia. La perizia? Ma cosa centra? E' normale che si possa perdere una causa, ma le variabili sono così tante, ad esempio la mancanza di documentazione.

    Mi spiego: la perizia ha dimostrato che la banca applicata tassi anatocistici, il giudice, probabilmente fatto perdere la causa perché non aveva abbastanza documentazione utile e le banche non sono mica sceme: danno il minimo possibile per risalire ai conteggi.

    Il dott. Calabrò, ex magistrato e sulla cui correttezza non si discute, ha già risposto più volte a questo blog e quanto fosse lontana l’intenzione di “censurare” la liberà di espressione e di cronaca: ma se vi capiterà di leggere il blog di questo/a Beddy è una sequela di prese in giro, di sfottimenti, anche pesanti e non solo nei confronti di SDL Centrostudi ma anche dei liberi professionisti che collaborano e addirittura di clienti che difendono la stessa SDL dagli attacchi degli autori di questo blog.
    Insomma, non si può dire che questo blog di questo Beddy sia un esempio di correttezza.

    E’ normale che l’operato di SDL Centrostudi dia fastidio e provochi dei mal di pancia e subisca molte critiche da chi vorrebbe che chiudessero baracca e burattini. SDL fa il suo lavoro, lo fa molto bene, aiuta migliaia di imprenditori e aziende con grandi difficoltà a combattere lo strapotere bancario.

    Ma una società come SDL, con un magistrato come presidente che, dopo ben 40 anni di giurisprudenza contraria della Corte di Cassazione, nel 1999 elaborò e depositò, com’è noto, la prima sentenza di merito che dichiarò illegittimo l’anatocismo operato fino ad allora uniformemente da tutte le banche italiane, boh, quale garanzia può dare una società se non meglio di lui come rappresentante e presidente?

    Quanto al blog di questa che ormai conosciamo tutti ma solo per la sua permalosità, Beddy, Betti o Betty, non credo proprio che nessuno intenda operare censure di qualsivoglia natura

    Ecco cosa dice l’ex magistrato: “chiedere all’autrice di non diffamare un’azienda che dà lavoro a migliaia di persone e professionisti credo, però, sia ben altro e sia quantomeno doveroso, così come utile sarebbe, per i suoi lettori, apprendere dell’inutilità e della non attualità di espressioni denigratorie riguardanti persone che, oggi, non ricoprono più incarichi operativi in SDL”.

    RispondiElimina
  9. Ho avuto modo anche io di visionare questo blog. I toni sono evidentemente da crociata condotta contro tutto e tutti, anche se alcuni commentatori fanno dubitare dell'enorme successo di pubblico ottenuto da quel blog. Quando vedo un certo Pepito Sbazzeguti, di guareschiana memoria, commentare e intervenire spesso e volentieri, non posso far altro che immaginare Gino Cervi declamare tali commenti. Usare un nome farlocco simile equivale a commentare in modo anonimo, senza metterci la faccia...

    Entrambe le azioni sono concesse e condivisibili, purtroppo, anche se proprio non riesco a digerirle.

    RispondiElimina
  10. Caro signor Giovanni di Imola, è assolutamente convinto di ciò che ha scritto?

    Sdl Centrostudi, nel campo delle perizie, è riuscita a fornirmi sicuramente una risposta chiara e trasparente ai miei dubbi.

    Ho avuto modo di vedere la perizia fatta da SDL ad un mio amico e collega, e tutto si può dire, tranne che fosse chiara. Una cosa che non è chiara, di conseguenza non è trasparente. Anche il giudice davanti al quale hanno portato il caso ha espresso dubbi sulla perizia fatta e se non fosse riuscito a dimostrare quanto affermato, il mio amico si sarebbe trovato bastonato sia dalla banca, sia dal giudice con una condanna.

    In merito al blog che citate, ho avuto modo di visitarlo anche io, grazie alle segnalazioni che avete fatto. Pur concordando con la signora sul fatto che SDL non mantiene quanto promesso, non ne condivido per nulla il metodo, strafottente e velenoso contro persone che, anche se nel passato hanno commesso degli errori, cercano di rimediarvi, affidandosi a persone esperte della materia per loro propri meriti professionali.

    RispondiElimina